Comincerà domani sera alle ore 21 la rassegna cinematografica “Piccolo cinema di Piazza Malta”, organizzato da associazione Chamomile e patrocinata dal Comune di Chieti. Tre gli appuntamenti, tutti gratuiti e tutti con inizio alle ore 21: domani sarà la volta di Polytechnique, del regista Denis Villeneuve; il 13 agosto sarà la volta di Tape, diretto da Richard Linkla e il 14 Sorry to brother you di diretto da Boots Riley. Oggi la presentazione alla presenza del sindaco Diego Ferrara, del vicesindaco e assessore agli Eventi Paolo De Cesare, dal presidente dell’associazione organizzatrice, Enrico Viani, dal consigliere comunale Edoardo Raimondi e da Giacomo Seca, direttore artistico dell’evento. “Tre date e tre appuntamenti che sono l’occasione per completare il calendario delle nostre manifestazioni estive – dicono il sindaco Diego Ferrara e del vicesindaco e assessore agli Eventi Paolo De Cesare – siamo felici di fare da testimonial alla rassegna, perché il cinema è sempre un buon modo per riflettere sulla realtà e animare la vita culturale della città. Possiamo contare su tre titoli intensi, che porteranno anche dei temi di confronto in piazza Malta e potranno fare da viatico a future rassegne, non solo estive”. “Si tratta di un nuovo progetto che riporta il cinema all’aperto a Chieti e a Piazza Malta – dice il consigliere comunale Edoardo Raimondi – Come Comune è importante il patrocinio, perché la proposta cinematografica è diversa, intensa e con temi che riguardano il sociale, la cultura, l’etnia, esposti dai film in modo nuovo e inclusivo, capace di far riflettere e coinvolgere chi guarda. Un bell’inizio”. “Siamo un’associazione che conta ad oggi 67 iscritti, vogliamo crescere e fare iniziative inclusive, per coinvolgere un ventaglio di persone più ampio possibile – dice  il presidente dell’associazione Chamomile, Enrico Viani – abbiamo pensato di organizzare una rassegna per portare il cinema in città e a piazza Malta, che ci sembra particolarmente vocata per questo genere di proposta. Abbiamo sempre vissuto il nostro percorso associazionistico come occasione di animare la vita culturale e con il Piccolo cinema di Piazza Malta si apre un percorso che potrà portare sinergie e nuove idee. Se avremo la risposta attesa, cercheremo di proporre film finché il tempo lo consentirà, intanto cominciamo con questi tre titoli, pensati per dare a chi guarda strumenti nuovi per affrontare temi come il genere, il razzismo, la solitudine sociale”. “Abbiamo sviluppato un podcast sul tema cinema durante il lockdown, da cui l’anno scorso sono nate due serate di cinema a Largo Cremonesi che hanno avuto un bel riscontro – aggiunge Giacomo Seca – L’ultimo anno il podcast aveva rallentato, così abbiamo pensato di riaccendere i motori mettendo insieme le forze di più associazioni. Fino all’anno scorso i film erano abbastanza conosciuti e famosi, quest’anno abbiamo scelto titoli più di nicchia, ma i film sono davvero bellissimi e ci consentiranno di parlare di femminicidio e del rapporto fra uomo e donna, tema del film Polythecnique, racconto della strage avvenuta il 6 dicembre 1989 all’École polytechnique di Montréal, quando il venticinquenne Marc Lépine uccise a colpi di arma da fuoco quattordici studentesse prima di togliersi la vita. Tape è un film che si svolge interamente in tempo reale dentro una stanza, fra tre personaggi alle prese con il proprio passato. L’ultima sera con Sorry to brother you, parleremo di razzismo, ma lo faremo in modo diverso e con un tono inedito da scoprire. I film sono in lingua originale, una vera immersione nelle tematiche per chi guarda”.

Lascia un commento

Devi essere loggato in per commentare la notizia