Il Comune di Chieti è al lavoro per la redazione del Piano sociale di ambito distrettuale. Ieri il sindaco Diego Ferrara ha firmato il decreto che costituisce il Gruppo di Piano per la predisposizione dello strumento, un passo da cui comincia il lavoro operativo di questa speciale unità, presieduta dal primo cittadino e composta dagli assessori comunali a Sanità e Sociale, dai consiglieri comunali, dal responsabile e coordinatore dell’Ufficio di piano, dal direttore del Distretto sanitario e da rappresentanze di Asl2, Ufficio scolastico regionale, Centro per l’impiego, Prefettura, Questura, Ufficio Servizio Sociale Minorenni, Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, Caritas, Croce Rossa e Protezione civile, parrocchie del territorio, Chieti Solidale, Servizio di segretariato sociale professionale e Cooperative sociali ETS del territorio. “Il Piano sociale distrettuale è un documento di programmazione di grande importanza perché ci consente di promuovere e organizzare servizi sociali e socio-sanitari per i cittadini e le cittadine della nostra comunità permettendo di prendere in carico i bisogni e rischi sociali cittadini più fragili – dicono il sindaco Diego Ferrara e gli assessori alle Politiche Sociali, Mara Maretti e alla Sanità Fabio Stella – l’Amministrazione ha scelto di promuovere l’integrazione socio-sanitaria attraverso una collaborazione proficua tra i due assessorati dedicati, quali Sanità e Sociale. Questo perché bisogna ragionare in modo ampio e inclusivo e farlo anche dal punto di vista istituzionale, con riferimento agli enti e a tutte le organizzazioni che operano sul territorio in ambito sociale, in recepimento sia del Piano sociale regionale 2021-2024, sia del Piano sociale Nazionale. A tal fine e con l’attivazione del Gruppo di piano, ci muoveremo con tutti i portatori d’interesse per costruire uno strumento partecipato ed efficace, il più possibile inclusivo. Il lavoro diventerà anche visibile e partecipato, per questo abbiamo predisposto una speciale sezione sul nostro sito comunale, già attiva e su cui via via saranno pubblicati documenti, interventi, strategie e obiettivi che ci proporremo di raggiungere a vantaggio della città, nonché l’intera programmazione prevista. Un piano che avrà priorità definite: famiglia, infanzia, giovani, prevenzione e contrasto alla violenza, ma anche disabilità, non autosufficienza e invecchiamento, che con inclusione sociale, povertà e immigrazione sono fronti su cui siamo già presenti e operativi con progetti e attività, peraltro anche condivise con altri Comuni e ambiti territoriali. A ciò si aggiunge che anche i nuovi servizi finanziati dal PNRR saranno integrati nel piano sociale distrettuale, arricchendo l’offerta di servizi e aumentando notevolmente la capacità di rispondere ai bisogni dei cittadini e delle famiglie. Linea, quella dell’attenzione al sociale, confermata dal bilancio pluriennale che abbiamo appena approvato, che potenzia la nostra azione, per garantire risposte e anche la prevenzione necessaria alla salvaguardia della salute fisica e mentale e del benessere per la comunità, che è il riferimento fondamentale del documento e dell’azione amministrativa. A tale scopo, promuoveremo un percorso partecipato con i cittadini, coinvolgendo anche il mondo del privato sociale, della cooperazione, del volontariato e dell’associazionismo locale. Tutto questo perché Chieti sia una comunità solidale e responsabile”.

 

Lascia un commento

Devi essere loggato in per commentare la notizia