A Chieti avere un finale di gara tranquillo sembra davvero impossibile. La Lux Chieti blinda la terza vittoria consecutiva. I ragazzi di coach Maffezzoli ribaltano tutto nel quarto quarto con una prestazione brillante in un PalaTricalle magico. La gara rispecchia il confronto del PalCosta e fatica a decollare nei primi minuti del primo quarto. La posta in palio è alta e si vede con entrambe le compagini attente in difesa e pronte a ripartire in contropiede. Il primo quarto regala poche emozioni e vede gli ospiti condurre il match. Chieti rientra sul parquet grintosa e con una difesa solida, limita Ravenna in fase offensiva. Sono due bombe di Bozzetto a ridare il vantaggio ai biancorossi. I due liberi di Rebec molto discussi dalla panchina di Chieti riportano i romagnoli in  partita sul 27-27. Rebec è incontenibile e riporta i suoi sul +6. Sorokas interrompe il parziale di Ravenna che però si fa rivedere subito con Venuto che realizza dalla lunga distanza. Gli ospiti riescono con il canestro di Simioni a tornare avanti di 9 lunghezze e allora Maffezzoli richiama i suoi in panchina. Prima Ihedioha con un 2/2 in lunetta e poi Favali in contropiede, riportano Chieti a -5 sulla sirena dell’intervallo lungo. In apertura di terzo quarto è Givens a realizzare ed andare in lunetta senza però concretizzare il gioco da 3 punti. Sono di Sorokas i primi punti della Lux nel terzo periodo. Una canestro inventato da Rebec, il migliore dei suoi per distacco, riporta i romagnoli sul +9. Prima Sorokas e poi Bozzetto permettono a Chieti di tornare in partita. Coach Maffezzoli protesta per una retina toccata sul tentativo di Santiangeli e prende fallo tecnico. Ravenna riesce a tornare sul +8. Sorokas sulla sirena disegna una parabola incredibile caricando i suoi. Favali manca l’appuntamento con la tripla dall’angolo ma realizza sull’azione successiva. Ravenna però risponde con Denegri e le distanze tra le squadre in campo restano inchiodate. Ihedioha realizza il -6 per Chieti. Sulla terza sirena di giornata il tabellone vede ancora gli ospiti in vantaggio 50-58. Piazza segna dai 6,75 nel quarto periodo ma ancora Cinciarini ristabilisce in campo le distanze. Penny con un canestro decisivo costringe coach Cancellieri al timeout sul 56-62. Piazza riesce a realizzare da sotto dopo 2 tentativi andati male mentre Sorokas costringe al fallo Chiumenti che esaurisce il bonus con 3:30 ancora da giocare.Prima Oxilia riporta a +8 i suoi e poi Sorokas dalla lunga distanza realizza dando una speranza ai teatini. Santiangeli guadagna tre tiri liberi che realizza e Chieti torna a -4 con 2:00 da giocare. Chieti difende bene e recupera palla con Piazza che fa partire il contropiede sul quale Santiangeli è abile ancora una volta a tornare in lunetta con 3 tentativi a disposizioni che permettono alla Lux di tornare sul – 1. Cinciarini realizza un gioco da 3 punti mentre Williams realizza da due. Marco Santiangeli si guadagna di esperienza il quinto fallo ai danni di Givens che deve uscire dal campo. Ancora Penny permette con un tap in di pareggiare i conti in campo (73-73). Adesso l’inerzia è dalla parte di Chieti che rientra in campo galvanizzata. Il PalaTricalle è un posto magico e un super Sorokas recupera palla a 4 secondi dalla sirena . Il finale lo scrive Marco Santiangeli che prima subisce fallo sulla sirena e poi va a realizza i due liberi decisivi che regalano due punti pesantissimi e preziosissimi alla Lux Chieti. Finisce  75-73 per i teatini con un finale rocambolesco sia in campo che fuori. Domenica si torna subito in campo con la Lux impegnato sul parquet di Rieti.

Lascia un commento

Devi essere loggato in per commentare la notizia