“Apprendiamo, come da Noi preannunciato, che a seguito del CDA di Chieti Solidale, non si è potuto avvenire alla surroga dei vecchi componenti con quelli nominati dal Sindaco con decreto 42/2022. La dottoressa Di Valentino, infatti, non ha potuto accettare la nomina in quanto non ha ricevuto l’autorizzazione dell’Ente pubblico presso cui è in servizio. Tale situazione, già da Noi segnalata anzitempo, denota il pressapochismo, la superficialità e l’inesperienza con cui questa amministrazione si muove in preda ad un delirio di onnipotenza”. Lo scrivono i Consiglieri comunali di Fratelli d’Italia Carla Di Biase, Giuseppe Giampietro e Roberto Miscia. “Non abbiamo nulla da eccepire rispetto alle professionalità segnalate, di cui conosciamo il valore e le capacità, ma non possiamo permettere ed accettare che tali nomine vengano fatte senza rispettare i regolamenti e le leggi dell’Ente – aggiungono- . E di oggi, aggiunge il capogruppo Di Biase, una mia nota in cui chiedo di conoscere eventuali altre dichiarazioni di inconferibilita ‘ e incompatibilità ex dlgs 39/2013 ed eventuali riscontri sui controlli da effettuare rispetto alle dichiarazioni effettuate, chiedendo pertanto di respingere eventuali accettazioni ove quanto segnalato fosse riscontrato. Consapevoli che la Chieti Solidale continuerà il proprio lavoro, sulla strada tracciata dai vecchi amministratori, continuando il lavoro di collaborazione con il Comune, ci auguriamo che un nuovo, competente e capace CDA prenda forma, nonostante gli errori amministrativi del Sindaco Ferrara e della sua Giunta”.

 

Lascia un commento

Devi essere loggato in per commentare la notizia