Esprimono “il più profondo rammarico e altrettanta meraviglia di fronte all’approvazione della delibera 151/ 2021 con cui a Giunta comunale ha deliberato un aumento di indennità per lo staff del sindaco pari a 7000  euro annui” i capogruppo di Fratelli d’Italia, Azione Politica, Chieti Viva, Udc , Lega con Salvini, Forza Chieti e Di Iorio Sindaco, unitamente ai Gruppi in Consiglio comunale a Chieti.  “Tralasciando la becera politica per cui non stiamo più a sottolineare i rapporti personali e famigliari per cui il Sindaco è impossibilitato a partecipare a tale approvazione, lasciando al neo “compagno” ” Vice Sindaco Paolo De Cesere la responsabilità politica di tale scempio – scrivono –  ci chiediamo come sia possibile, in un ente descritto sull’orlo del dissesto, assumere nuove unità ed addirittura aumentare le indennità a quelle a contratto. Operazioni nascoste dietro la retorica della necessità e che graveranno sui bilanci dell’ente e sulle tasche dei cittadini. Non sapeva il Sindaco Ferrara di dover svolgere un lavoro fuori dagli orari di ufficio?Solo oggi lui e i suoi assessori scoprono che esistono trasferte e incontri serali? Motivazioni che non trovano alcun fondamento giuridico se non quello dell’arbitrarietà e della spartizione politica e che co costringono, Oltre a continuare ad essere vigili e attenti, a trasmettere tali atti alla procura della corte dei Conti. Capiamo la logica del Ferragosto per cui si aspettavano di trovare tutti distratti al mare, noi invece – concludono i capigruppo della Minoranza- ci aspettavamo di trovare l’amministrazione pronta su interventi urgenti a favore della crisi idrica”.

Lascia un commento

Devi essere loggato in per commentare la notizia