«Zero manutenzione e scarsa igiene della fontana e dei tombini, la situazione ormai in piazza è completamente fuori controllo»: la denuncia arriva dai commercianti di piazzale Marconi, una delle piazze più identitarie di Chieti Scalo, i quali, da noi intervistati, chiedono al Comune di intervenire con urgenza.

L’espressione “Non ne possiamo più” riassume in pieno il disagio dei negozianti della zona. Ci dice il titolare di una attività che affaccia sulla piazza: “Che qualcuno intervenga, che il Comune ci ascolti, noi commercianti ci aiutiamo da soli per mantenere il decoro della piazza, cercando di fare il possibile.

Ma ci sono interventi che non sono di nostra competenza, come ripristinare la fontana che ormai non funziona da tempo, piena di melma nera e con rifiuti abbandonati ovunque, tra cibo, lattine, e sigarette. È da mesi che segnalo la presenza di sporcizia e di un pesce morto che galleggia”.

Mentre il titolare del bar ci fa notare che i tombini sono completamente intasati e l’acqua fuoriesce: “Una semplice manutenzione aiuterebbe – dice – ma quello dei tombini non è il solo problema: ci sono scritte ovunque e panchine rotte, per questo chiediamo un intervento immediato del Comune e che almeno possano ripulire la fontana e ripristinare il suo funzionamento, affinché piazzale Marconi torni ad esser uno spazio decoroso per la comunità dei cittadini”.

“E questo è pretendere troppo?” – chiedono i titolari delle diverse attività, mentre le problematiche che continua a vivere piazzale Marconi sono sotto gli occhi di tutti.

“Sono mesi che ho segnalato la situazione – ribadisce un commerciante – ma nessuno è intervenuto”.

Confidiamo che l’amministrazione comunale prenda provvedimenti e intervenga per conferire decenza e dignità a quella che è la piazza principale di Chieti scalo.

 

                  

Lascia un commento

Devi essere loggato in per commentare la notizia