Un personaggio eterno e di grande attualità. Farà tappa domenica 10 aprile al Teatro Fenaroli di Lanciano “Hamlet”, liberamente tratto dall’immortale opera di William Shakespeare.

Lo spettacolo, con inizio previsto alle ore 21, vedrà in scena Giorgio Pasotti, nei panni del principe di Danimarca Amleto, e Mariangela D’Abbraccio, che interpreterà la regina Gertrude. Nel cast ci sono anche Gerardo Maffei, Claudia Tosoni, Davide Paganini, Pio Stellaccio, Andrea Papale, Salvatore Rancatore.

«In tutto il panorama di personaggi shakespeariani non esiste un eroe più moderno di Amleto. Questo perché, già diversi secoli prima della psicanalisi, Amleto si impone come un personaggio dalla psiche profonda e complessa» si legge nelle note di presentazione dello spettacolo. «La sua battaglia, prima ancora che col mondo esterno, è interiore e quindi attuale. Non devono trarre in inganno le armi, il regno di Elsinore, il linguaggio d’altri tempi: Amleto vive e si nutre a ogni rivisitazione dei tributo che si paga ai capolavori».

Amleto vive in una sua personale dimensione, lontano dalla gente, dalla perdita dei valori e dall’egoismo che dominano la società, sospeso su di un filo. Gertrude è totalmente concentrata sul suo aspetto fisico, tentando di fermare lo scorrere del tempo, lontana dai doveri di madre.

«Nella sua incapacità di scegliere – nel subire il peso fisico e terreno che deriva da tali indecisioni – nell’isolamento che arriva a sfiorare la follia, Amleto è un personaggio dei giorni nostri. Un uomo imprigionato nella sua condizione, simile in tutto e per tutto a quelli che si incontrano lungo i marciapiedi delle nostre città. Uomini di ogni età e ceto sociale, incapaci di reagire alle avversità, paralizzati in attesa di un evento che li strappi alla loro condizione e li faccia ripartire, animati dal desiderio di rivalsa verso la società che li ha declassati, la donna che li ha delusi. Dagli affetti che avrebbero dovuto proteggerli».

La regia è di Francesco Tavassi, la traduzione e l’adattamento sono a cura di Alessandro Angelini e Antonio Prisco, le musiche di Davide Cavuti. Lo spettacolo è prodotto da TSA (Teatro stabile d’Abruzzo), Stefano Francioni Produzioni e Fattore K.

I biglietti sono acquistabili al botteghino del teatro l’8, il 9 e il 10 aprile dalle 16.30 alle 19.30 e sul circuito CiaoTickets.

Lascia un commento

Devi essere loggato in per commentare la notizia